INIZIA L’ AVVENTO 2020

Inizia per noi quest’ anno un Avvento del Natale diverso dagli altri anni, questo era il tempo dei concerti e dell’ incontro con il nostro pubblico, era il momento della musica, delle emozioni, dei sorrisi e del bel canto, il tempo di accompagnare le celebrazioni della liturgia nella nostra parrocchia di Acquate, ma il tempo che stiamo vivendo, con l’ attuale emergenza, non ci consente di stilare e promuovere un ricco calendario di concerti e di appuntamenti sul territorio. Non vogliamo perdere l’ occasione di trasmettere a chi vuol seguirci l’ emozione di un ricordo, di un canto e di un momento “virtuale” con noi, e quindi, a partire dalla prima domenica di avvento, vi proponiamo per ogni settimana un nostro brano.

Iniziamo con il “Cantique de Jean Racine, Op 11 di Gabriel Faurè” registrato nel dicembre del 2017 durante il nostro Concerto di Natale nella Chiesa di San Giorgio ad Acquate.

Il Cantique de Jean Racine (Cantico di Jean Racine), Op. 11, è una composizione per coro a voci miste e pianoforte o organo di Gabriel Fauré. Il testo, Verbe égal au Très-Haut (Verbo pari all’Altissimo), è tratto dalla traduzione francese, dovuta a Jean Racine, dell’inno latino Consors paterni luminis, attribuito a sant’Ambrogio e utilizzato nella liturgia del mattutino del martedì. Fauré compose il brano nel 1864-65 per un concorso interno all’École Niedermeyer di Parigi, in cui vinse il primo premio.

Questo è il testo:

Verbo dell’Onnipotente, nostra unica speranza,
giorno eterno della terra e del cielo;
Noi rompiamo il silenzio della notte pacifica,
Divino Onnipotente, poggia su di noi i tuoi occhi!
Spandi su di noi il fuoco della tua grande misericordia,
fa che tutto l’inferno fugga al suono della tua voce;
Dissipa il sonno di un’anima che langue,
che la conduce all’oblio delle tue leggi!
O Cristo, sii favorevole a questa gente fedele
che si è riunita per benedirti.
Ricevi i canti che offriamo alla tua gloria immortale,
e possano tornare carichi dei tuoi doni!

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail